Mese del garage 2016: come farsi aiutare dai bambini a sistemarlo e ricavarne spazi creativi

COME FARSI AIUTARE DAI FIGLI

Esistono spazi nella casa di cui si ignora per anni il contenuto – si sa che le wannabemum non hanno tempo per tutto TUTTO – e nella pole position dei “luoghi dimenticati” ci sono la soffitta e il garage. Proprio a quest’ultimo ci si può dedicare, ovviamente facendosi aiutare dalla prole: per molto tempo il garage è stato considerato un deposito dove ammucchiare tutto quello che non si sa dove mettere in casa o che non si vuole buttare. Oggi invece è arrivata l’ora di rivalutare questa stanza: gli oggetti saranno riposti ordinatamente, facili da trovare e da rimettere a posto, tutto sarà a portata di mano, si potranno parcheggiare auto, bicicletta e moto in tranquillità senza nessun pericolo di graffiarli e con lo spazio necessario per qualsiasi manovra. Per capire come procedere al meglio, ci siamo fatte aiutare da Sabrina Toscani, fondatrice di Organizzare Italia, che promuove “Il mese del garage” e autrice di “Il mio garage – soluzioni organizzative per dare nuova vita al garage”.

LEGGI: Come appassionare i bambini alla bicicletta

MESE DEL GARAGE 2016

Perché ha senso sistemare il garage con i bambini?
«Il garage diventa troppo spesso un magazzino delle cose che non si usano più in casa, ma che non si prende la decisione di eliminare. La fine della scuola e i primi caldi invitano a intraprendere la pulizia del garage e a farlo coinvolgendo tutta la famiglia. Innanzitutto perché gli oggetti che vi risiedono possono essere anche dei bambini, quindi è bene aiutarli a capire insieme cosa farne: generalmente i bimbi hanno le idee molto chiare sui giocattoli che non piacciono più e non hanno nessuna difficoltà a liberarsene. Inoltre coinvolgere i piccoli attivamente nella pulizia e nella sistemazione è estremamente educativo e può essere anche molto divertente. Infine dare il proprio contributo alla vita e al lavoro della famiglia rende il bimbo non solo più responsabile, ma migliora la sua autostima contribuendo a fargli capire che è in grado di aiutare mamma e papà anche in questi lavori “straordinari”».

Che spazio si può ricavare nel garage per i piccini?
«Una bella idea è quella di ritagliare un piccolo spazio esclusivo per ciascun bambino (per esempio uno scaffale, un cassetto o un contenitore), che sarà gestito in autonomia e con responsabilità. Quello spazio non sarà riordinato né pulito dai grandi, e dovrà essere rispettato con chiari confini da fratelli e sorelle. Lì il bambino potrà mettere quel che vorrà, a patto che siano oggetti adatti ad essere conservati in garage (spiegandogli che vanno bene cose di metallo, plastica e legno che non soffrano troppo l’umidità). La scelta dello spazio adatto deve avvenire in funzione dell’altezza del bambino, sono adatti quindi scaffali o cassetti bassi e facilmente accessibili».

COME AVERE AIUTO DAI FIGLI

Come stimolarli a prendersene cura?
«Consiglio di coinvolgerli nella progettazione del garage. A bimbi e ragazzi di qualsiasi età, come del resto anche agli adulti, piace vedere crescere e concretizzarsi un’idea, quindi se le funzioni degli spazi vengono discusse assieme e gli acquisti per organizzare il garage vengono fatti di comune accordo, allora si sentiranno parte di un progetto famigliare e motivati a mantenerlo curato e ordinato. La fatica fatta per le pulizie e per il riponimento rimarrà chiara nella loro memoria, anche questo li renderà più attenti e consapevoli».

Se si hanno figli adolescenti, come stimolarli ad essere operosi nel sistemare il garage?
«I figli adolescenti possono essere più difficili da coinvolgere, hanno altri interessi e forse poca voglia di trascorre tempo, e fare fatica, con mamma e papà. In questo caso dovrà esserci un giusto equilibrio tra la necessità di trasferire una regola, “è un dovere aiutare la famiglia”, e il coinvolgimento, “vogliamo conoscere le tue idee che possono esserci di grande aiuto”.
Inoltre è una buona occasione per portare avanti i sani principi come “prima il dovere e poi il piacere” e quindi fissare una ricompensa che, a lavoro terminato, coinvolgerà tutta la famiglia e che al principio sarà motivante può essere un’ottima idea».

Che spazio si può ricavare per i ragazzi?
«E’ probabile che a quell’età siano appassionati di sport, quindi trovare la giusta casa per i loro attrezzi sportivi è un bel regalo che possiamo fargli. Skateboard e pattini possono essere agganciati alle pareti, i palloni possono trovare spazio in un contenitore dedicato, sci o snowboard riposti in alto e non a contatto con il pavimento … anche in questo caso chiediamo prima di tutto a loro di che spazio pensano di aver bisogno e coinvolgiamoli nella scelta. Infine non dimentichiamo che i figli di quest’età possono dare una grossa mano nel liberare e sistemare il garage e non sottovalutiamo le loro abilità e il loro punto di vista».

LEGGI: Come prevenire i disordini alimentari nei bambini

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services