Lettino da campeggio: i nostri consigli

Per chi ha bambini sotto i due anni, le vacanze possono essere il periodo in cui finalmente si prende fiato ma anche il momento dell’anno in cui il disagiometro (ndr: misuratore del livello di disagio interiore di una Wannabemum) arriva a toccare vette stellari.

Come premunirsi di fronte ai picchi di disagio? Sicuramente per chi ha letto Tracy Hogg (che consigliamo qui) ma anche per chi è già di suo dotato di buonsenso, è evidente che una buona giornata non può prescindere da una buona nottata. Per far si che il pargolino dorma sereno, bisogna fargli trovare un luogo confortevole, familiare e riconoscibile. Noi abbiamo fatto un’ottima esperienza con i lettini da campeggio.

Lettino da campeggio come letto

Partiamo dalle basi: si tratta di una struttura pieghevole perfetta per la nanna e anche per il gioco, quasi sempre con chiusura ad ombrello, circondata da stoffa o rete e, sul fondo, una base sulla quale poter appoggiare un apposito materasso (che generalmente va acquistato a parte, e quando si gioca va tolto). Sul mercato ne esistono tantissimi modelli e varianti: io personalmente (Zelia) consiglio quello della Hauck: compatto, funzionale e semplice e pure bello da vedere (che non guasta mai). Sto parlando del modello “Dream N Play Plus”.

Sul sito Habu.it trovate la descrizione e il confronto qualità – prezzo tra 2 modelli della Hauck (tra cui il nostro preferito) e uno della Chicco, così da farvi un’idea.

Le sue misure da aperto sono di 76 x 65 x 125 cm, mentre da chiuso si riducono a soli 23 x 24 x 76 cm per un peso di 10,9 kg. Da smontare e rimontare è abbastanza facile: alla peggio se non capite i disegni su youtube ci sono dei fantastici tutorial, ma per padri e madri scaltri e praticoni la questione è abbastanza agevole.

Lettino da campeggio come Box

Per le giornate di pioggia, quando non si può andare al mare o a fare gite, il lettino da campeggio diventa anche un pratico box: basta togliere il materasso, posizionare i libri e i pelouches et voilà, la mattinata è risolta.

Diventando “il rifugio” del bambino durante il periodo di vacanza, con annessa possibilità di diventare il luogo prediletto per i giochi e gli spuntini, il lettino da campeggio dopo ogni viaggio va pulito con cura. Oltre a lavare lenzuola e federe in lavatrice, l’ideale è eliminare i residui di polvere con l’aspirapolvere e igenizzare con cura le superfici, prediligendo detergenti naturali.

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services