Yoga post partum, tutti i benefici e i consigli dell’esperta

yoga post partum esercizi

YOGA POST PARTUM

Lo yoga è una disciplina nota per i suoi benefici che riguardano sia al corpo sia alla mente. Agisce sulla postura, la flessibilità, il tono muscolare, il respiro ed è portatore di quiete e relax.

Ci siamo chieste in che modo lo yoga può aiutare chi ha appena partorito, consultando Loredana Bugatti, insegnante di yoga in Omino Danzante.

Nella fase post partum lo yoga può essere di grande aiuto, accompagnando con dolcezza la donna, aiutandola a rilassarsi e a rimettere in sesto il suo corpo dopo il grandissimo cambiamento che questo ha appena vissuto.

Ecco gli esercizi che Loredana Bugatti ci ha consigliato, insieme alle posizioni ottimali in questa fase così delicata della vita di una donna.

LEGGI ANCHE: Cose da sapere sul metodo Pilates

“Prima di tutto bisogna darsi il tempo di realizzare la venuta al mondo del proprio bambino e superare la fase del puerperio, vale a dire il periodo di tempo (6 settimane) che inizia subito dopo il parto e termina con il ritorno dell’apparato genitale femminile a riprendere la sua normale funzionalità. Passato questo periodo si può iniziare in modo dolce e tranquillo con semplici posizioni di rilassamento

BENEFICI DELLO YOGA POST PARTO

Posizioni di rilassamento

Mi sdraio a terra con un cuscino sotto la schiena portando l’attenzione al respiro. In questa fase, la respirazione è molto importante per la ripresa delle energie, ma anche per smuovere il diaframma che può essere rimasto contratto. Inspiro ed espiro con il naso e seguo il percorso dell’aria che entra dal naso e arriva fino alla pancia, gonfiandola, per poi fare la strada inversa. È molto importante non bloccare il respiro ed immaginare che questo arrivi fino ai miei piedi, riempiendo tutto il mio corpo di aria, mentre quando ispiro è fondamentale svuotare completamente il corpo dell’aria inspirata.
Mi sdraio a pancia in giù sopra un grosso cuscino (Posizione del Bambino), sempre portando l’attenzione al mio respiro. Questa posizione aiuta a recuperare il contatto con il ventre e la respirazione addominale.

Dopo aver praticato queste semplici ma efficaci posizioni si può passare a qualche movimento più dinamico.

Il gatto che si stira

Espirando arrotondo la colonna, inspirando inarco la colonna mobilizzando il bacino. Questo movimento ondulatorio rende più flessibile la colonna donando sollievo soprattutto al dorso visto che il peso del bambino, come per esempio tenerlo in braccio o metterlo nella fascia, grava sulle spalle e sulle braccia della madre.

LEGGI ANCHE: 8 domande e risposte sui neonati

ESERCIZI YOGA POST PARTO

Il piccolo ponte

Questa posizione è di grande aiuto per recuperare l’assetto del bacino e ricongiungerlo alla colonna vertebrale: mi sdraio a terra, piego le gambe e appoggio bene i piedi alla stessa distanza delle anche vicino ai glutei, poi inspirando contraggo questi ultimi e sollevo gradualmente il bacino. Mantengo qualche respiro per poi riabbassare dolcemente il bacino.
Questo esercizio serve anche a riattivare il pavimento pelvico che si presenta come una piccola amaca muscolo tendinea nella zona del perineo, tra ano e vagina: è basilare riportare la giusta tonicità a questa struttura e dato che per molte donne il pavimento pelvico è poco conosciuto la pratica può aiutare a prendere consapevolezza di questa parte nascosta.

Loredana Bugatti insegna yoga in Omino Danzante tutti i mercoledì dalle 12:00 alle 13:15

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services