Come insegnare ad un bambino piccolo a tenere in ordine la sua camera

COME INSEGNARE A METTERE IN ORDINE LA CAMERETTA

Le Wannabemum hanno poco tempo, in generale nella vita, e quel poco che hanno lo vogliono dedicare a fare attività divertenti e utili con i bambini: non vogliono certo sprecarlo a inseguirli per tutta la casa intimando loro di mettere in ordine la propria stanza. Per questo motivo, è bene insegnare alla prole fin dalla più tenera età a mettere in ordine autonomamente la cameretta (siamo sicure che anche Maria Montessori ci darebbe il suo placet).

Sabrina Toscani, Fondatrice di Organizzare Italia, co-fondatrice e presidente di APOI Associazione Professional Organizers Italia, ci spiega come fare.

LEGGI ANCHE: Come fare il cambio degli armadi dei bambini

COME INSEGNARE AI BAMBINI A RIORDINARE

Come organizzare gli spazi?

“Il bambino dovrebbe essere coinvolto fin dalla progettazione degli spazi della sua cameretta: questo significa che dovrebbe poter dire la sua opinione su come sistemare la scrivania, il letto, il tappeto … in questo modo si sentirà partecipe delle scelte e maggiormente responsabile dei suoi spazi. Queste scelte condivise poi dovrebbero avvenire anche per la suddivisione in funzioni degli scaffali, dei cassetti, dei contenitori: lasciare che il bambino (più o meno guidato dai genitori a seconda dell’età) decida dove mettere i suoi giochi preferiti o gli oggetti a cui deve accedere frequentemente, lo rende più consapevole di come sistemare le cose nello spazio, di come accedere e di come riporle, facilitando in questo modo anche la possibilità di tenere in ordine la stanza”.

Che contenitori è utile avere per mettere in ordine meglio?

“E’ importante non stipare troppe cose nella cameretta e soprattutto oggetti che non riguardano la vita del bambino (quindi possibilmente i genitori non dovrebbero riporre le proprie cose nelle camere dei figli). Mantenere leggero l’ambiente dove il bambino gioca, studia e dorme lo aiuterà prendersene cura con più facilità. Chiediamo allora ai bambini di scegliere le categorie di giochi ed oggetti da organizzare e insieme scegliamo i contenitori più adatti, tenendo conto che le scatole trasparenti aiutano a identificare subito il contenuto, i cestini rendono più facile contenere il disordine, le scatole con il coperchio nascondono bene la confusione: ma attenzione a non dimenticare di applicare le etichette”.

LEGGI: Come farsi aiutare in casa dai figli

COME INSEGNARE AD UN FIGLIO A METTERE IN ORDINE

Come spiegargli come mantenere l’ordine?

L’educazione all’organizzazione e all’ordine va fatta soprattutto con l’esempio, quindi se i bambini vedono i propri genitori mettere a posto è probabile che pian piano lo facciano anche loro spontaneamente.
E’ utile inventare un gioco e chiedere loro consiglio su come mantenere l’ordine, la loro fantasia e il loro entusiasmo li faranno riflettere e trovare delle soluzioni a volte anche molto sorprendenti. In questo modo cominceranno a capire l’importanza di mantenere l’ordine nel rispetto degli spazi e delle persone che li condividono con loro.

Come motivarlo ad essere costante?

Se si desidera che il bambino sia costante è necessario che anche i genitori lo siano. Può aiutare in questo la divisione dei compiti domestici, in una tabella con i giorni della settimana, per mantenere monitorato ciò che si deve fare e ciò che è stato fatto.  A seconda dell’età del bambino quindi è possibile elencare nella lista delle cose da fare: fare il letto, apparecchiare la tavola, stendere i panni, mettere a posto la camera… e informare il bambino che è importante mantenere con coerenza quanto promosso, perchè altrimenti ci saranno conseguenze e il lavoro di “squadra” ne risentirà. In questo modo imparerà a coltivare la disciplina, la costanza il senso di responsabilità, e comincerà a dare il proprio contributo in famiglia comprendendone il valore.

LEGGI ANCHE: Come organizzarsi con due figli piccoli

Come contattare un professional organizer: la settimana dell’Organizzazione dal 21 al 27 marzo

Si svolgerà dal 21 al 27 marzo la Settimana dell’Organizzazione, la manifestazione promossa da APOI,, Associazione Professional Organizers Italia, per avvicinare alla cultura del vivere organizzati.

Con la Settimana dell’Organizzazione, giunta quest’anno alla sua quarta edizione, APOI vuole intercettare curiosi, interessati, appassionati di organizzazione, ma soprattutto quelle persone che sentono il bisogno di capire come alleggerire le proprie giornate, migliorare l’organizzazione del proprio tempo, ottimizzare gli spazi o le proprie risorse, comprendere i benefici dello space clearing, dare una struttura organizzata alla propria famiglia e allo svolgimento delle attività che vi ruotano attorno, e vogliono trovare una soluzione al proprio problema di organizzazione.

La manifestazione si svolgerà su tutto il territorio nazionale e vedrà i professionisti dell’organizzazione, ciascuno nelle proprie città e attorno ad un tema diverso, organizzare eventi che abbiano al centro l’organizzazione per vivere meglio.

Gli eventi toccheranno i temi della casa, lavoro, space clearing, bambini e famiglia, ufficio, gestione del tempo e stile di vita, ambiti in cui l’organizzazione si presenta come risorsa, strumento, competenza fondamentale, metodo. Sette giornate, quindi, in cui i P.O. Italiani daranno spunti, consigli, metteranno a disposizione le proprie conoscenze per avvicinare il proprio pubblico alla buona organizzazione, indispensabile a migliorare le proprie giornate, renderle più fluide, scorrevoli, soddisfacenti e gratificanti.

Gli eventi avranno luogo presso librerie, palestre, scuole e coworking e ancora circoli, showroom e associazioni, un calendario dettagliato sarà pubblicato sul sito di APOI, e sempre dal sito dell’Associazione si potranno scaricare vademecum, post, infografiche, consigli e materiali utili per chi vorrà  seguire la manifestazione online.

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services