Come dipingere in casa con i bambini: i consigli dell’illustratrice Pucci Zagari

COME DIPINGERE CON I BAMBINI

Dipingere con i piccini stimola la creatività e diverte i genitori almeno tanto quanto i giovani Matisse in erba: l’unico punto non chiaro è come evitare che la sala o la cucina sembrino un quadro di Pollock dopo l’esperimento artistico. E per gli accuditori non esperti in storia dell’arte o in tecniche pittoriche d’avanguardia, anche solo organizzare gli strumenti di questo pomeriggio all’insegna dei colori potrebbe rappresentare un problema. Facciamoci guidare per mano dall’illustratrice Pucci Zagari nello scoprire come dare luce all’artista che si nasconde nei nostri bambini.

LEGGI ANCHE: Libri illustrati, novità da non perdere: ‘Una splendida giornata’

TECNICHE DI PITTURA PER BAMBINI

Come mettere in sicurezza la casa?

“Trovare il modo di lasciare che i nostri figli si sentano liberi di creare con pitture, disegni… insomma, con attività “sporchevoli”, e difendere mobili, pavimenti e vestiti dipende molto dall’età dei nostri bambini. Cominciamo dai piccoli della materna. Consiglio di vestirli con abiti che possono sporcare e comunque far loro indossare un grembiule, possibilmente di quelli che proteggono anche le maniche. I tavolini dovrebbero essere della loro dimensione, quindi non troppo alti in modo che i bambini si possano muovere liberamente e non debbano stare necessariamente seduti. La superficie del tavolo va ricoperta con una cerata o con tovagliette plastificate, materiali facili lavarle quando l’attività è terminata. Tenete a portata di mano giornali vecchi, spugnette e scottex“.

Da cosa partire? Già con delle tecniche specifiche o prima lasciando che prendano confidenza con tutti gli strumenti? Mamma e papà come dovrebbero porsi?

“A quest’età è bene seguire i nostri bambini, per evitare che dipingano i muri di casa! Ma anche per aiutarli in alcune attività che sono importanti tra i 3 e i 6 anni e che da soli potrebbero non essere ancora in grado di fare, come ad esempio ritagliare (con forbici dalla punta arrotondata, ovviamente!). A questa età consiglio di giocare molto con l’arte dei collage, con qualsiasi cosa i nostri bimbi possano manipolare, sperimentando materie e consistenze diverse, ma anche il diverso effetto che gli strumenti hanno sulle superfici. Consiglio di stare loro a fianco, per quanto possibile, lasciandoli però sperimentare con acquerelli, matite di tutti i tipi, plastilina (se si usa la pasta per modellare, consiglio di mettere della carta di giornale a terra sotto il tavolino così da non sporcare il pavimento)… Avvicinarli all’arte come modo di esprimersi significa far loro sperimentare ogni volta attività nuove e cercare di capire se c’è una tecnica che preferiscono”.

E con i bambini più grandicelli cosa dobbiamo sperimentare in campo artistico?

Quando i bambini cominciano ad andare alle elementari, la sperimentazione delle varie tecniche prosegue ed è sempre molto importante. La differenza però è che i bimbi cominceranno a mostrare una progettualità, cioè ad avere un’idea di quello che vogliono realizzare e seguirla. Per l’abbigliamento, un grembiule come quello per cucinare andrà bene. Mi sorprendo sempre di quanto sia importante lasciare che i bambini liberino la loro creatività durante questi momenti artistici, ciò significa che il genitore può seguirli dando delle idee, ma lasciandoli molto fare in autonomia. Verso la fine delle elementari, quando i bambini sono un pò più grandi, è importante che osservino gli artisti moderni attraverso mostre, libri, fotografie: osservare la realtà per rendersi conto di spazi e prospettive è una fantastica sfida!”.

LEGGI ANCHE: Le illustrazioni di Babar l’elefantino

LABORATORI DI PITTURA PER BAMBINI

Per chi volesse conoscere Pucci Zagari dal vivo, c’è una bellissima opportunità a Milano: dal 7 febbraio, al Kikolle Lab, torna “Atelier di Disegno e Pittura”: un percorso studiato dall’illustratrice per avvicinare i più piccoli al mondo dell’arte, coinvolgendoli in divertenti lezioni con tela e cavalletto e stimolando la forza espressiva propria di ogni partecipante.

Primo appuntamento, mercoledì 7 febbraio con la Demo Class ispirata a Andy Warhol, seguiranno poi Frida Kahlo – in tempo per prepararsi alla grande mostra milanese! – Klimt, Chagall, Kandinsky, Banksy, Seurat, Magritte, Picasso, Hokusai, Van Gogh, Dalì…

Un modo originale per divertirsi sperimentando le varie tecniche pittoriche e, trasversalmente, imparare la storia dell’arte, con in più la possibilità di portare a casa ogni volta il proprio piccolo capolavoro e partecipare alla mostra finale il 30 maggio.

  • Giorni: mercoledì
  • Orario: dalle ore 16.45 alle ore 18.00
  • Luogo: Kikolle Lab, Via Fratelli Bronzetti 18, Milano
  • Età: dai 5 ai 9 anni
  • Prove laboratorio e inizio lezioni: mercoledì 7 febbraio (10€)
Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services