Canzoni, poesie, giochi e decorazioni: consigli per il Natale con i bambini

natale con i bambini consigli

NATALE CON I BAMBINI

Sembra che ogni anno il Natale arrivi sempre più in anticipo, non è ancora finito novembre e le strade sono già piene di lucine, in TV ci sono spot a tema natalizio e da una settimana è già tutto addobbato per le feste. Non volendo essere da meno ci siamo attivate per farvi una lista di consigli per un Natale all’insegna della creatività e a chi rivolgersi se non alle esperte insegnanti dell’Omino Danzante?

LEGGI ANCHE: Lo Schiaccianoci, la versione illustrata da regalare a Natale

1. MUSICA: LA PLAYLIST DEL GIORNO DI NATALE

Anzitutto abbiamo chiesto qualche consiglio musicale per crearsi una playlist da usare come sottofondo il giorno di Natale e per le attività che vi spiegheremo nei prossimi punti.
“La nostra canzone di Natale preferita è sicuramente All I want for christmas di Mariah Carrey – ci hanno detto – la usiamo sempre durante il periodo natalizio per poRtare un po’ di atmosfera a lezione ed è praticamente obbligatoria durante le lezioni aperte, quando apriamo le porte ai genitori per salutarci e festeggiare insieme”. Per chi preferisce il rock ci consigliano Jingle bells rock nella versione del telefilm Glee, Christmas lights dei Coldplay e Rockin around the Christmas tree di Brenda Lee.

Per chi vuole qualcosa di più classico la colonna sonora de Lo schiaccianoci di Tchaikovsky sarà sicuramente apprezzata

Mentre se vi piace il pop non si può non citare Last christmas degli Wham, Let it snow nella versione di Michael Bublé, White christmas dei The Drifters, It’s the most wonderful time of the year nella versione di Kylie Minogue e My only wish di Britney Spears. “Se invece volete una playlist già pronta e nuova di pacco” ci dice l’insegnante di hip hop “è uscito proprio in questo mese il nuovo disco di canzoni natalizie di Sia, si chiama Everyday is Christmas e contiene 10 canzoni in cui la cantante rivisita classici pezzi di Natale, ma non solo”. Sia è diventata famosa grazie al singolo Chandelier, da allora ha fatto un successo dopo l’altro e i suoi video sono sempre molto belli “e pieni di danza, proprio per questo qui la adoriamo tutti”.

 

2. GIOCHI

Ora che la playlist è pronta è il momento di usarla per giocare. “Ecco un gioco che unisce tutti, chi ama ballare e muoversi, ma anche chi vuole solo giocare con la fantasia”. Mettete su i pezzi natalizi che preferite e disponete i bambini, ma anche gli adulti che hanno voglia di mettersi un po’ in gioco, in fila uno dietro l’altro. Uno alla volta dovranno attraversare lo spazio a ritmo di musica, ad ogni giro chi dirige il gioco dirà il nome di un personaggio o un elemento natalizio (es. folletto, albero, fiocco di neve, renna) chi gioca dovrà attraversare la sala ballando o camminando come se fosse quel personaggio. Una volta che tutti hanno interpretato il personaggio scelto si passerà al prossimo. Alla fine ognuno dovrà scegliere chi interpretare e gli altri dovranno indovinare il personaggio scelto.

LEGGI ANCHE: Regali di Natale in stile Montessori

3. POESIE

Una tradizione che si è un po’ persa con gli anni è quella di leggere o recitare poesie e filastrocche natalizie. Per chi vuole riprendere in mano questa bella usanza abbiamo una poesia di Gianni Rodari da consigliarvi. Cosa farci? “Vi diamo ben quattro possibilità” ci dice l’insegnante di recitazione “leggerla ai vostri ragazzi, farla leggere dai ragazzi al resto della famiglia, farla imparare a memoria e recitare (questa è proprio per i bambini appassionati di recitazione) oppure potete leggerla e chiedere ai vostri bambini di farne un mimo in diretta, interpretandola solo con il corpo”. Eccola qui, fatene ciò che preferite!

 

Il pianeta degli alberi di Natale

Dove sono i bambini che non hanno
l’albero di Natale
con la neve d’argento, i lumini
e i frutti di cioccolata?
presto, presto adunata, si va
sul Pianeta degli alberi di natale,
io so dove sta. Che strano, beato Pianeta…
Qui è Natale ogni giorno.
Ma guardatevi attorno:
gli alberi della foresta,
illuminati a festa,
sono carichi di doni.
Crescono sulle siepi i panettoni,
i platani del viale
sono platani di Natale.
Perfino l’ortica,
non punge mica,
ma tiene su ogni foglia
un campanello d’argento
che si dondola al vento.
In piazza c’e’ il mercato dei balocchi.
Un mercato coi fiocchi,
ad ogni banco lasceresti gli occhi.
E non si paga niente, tutto gratis.
Osservi, scegli, prendi e te ne vai.
Anzi, anzi, il padrone
Ti fa l’inchino e dice:”Grazie assai,
torni ancora domani, per favore:
per me sarà un onore…” Che belle le vetrine senza vetri!
Senza vetri, s’intende,
così ciascuno prende
quello che più gli piace: e non si passa
mica alla cassa, perché
la cassa non c’è. Un bel Pianeta davvero
Anche se qualcuno insiste
A dire che non esiste…
Ebbene, se non esiste, esisterà:
che differenza fa?

 

4. DECORAZIONI

Anche la scenografa ha avuto qualche consiglio per noi e ci ha spiegato come creare dei porta candele, questa attività ha bisogno dell’aiuto di un adulto.
Prendete una bottiglia di plastica, anche colorata, e tagliatene via la parte più alta. Andate a ritagliare verticalmente quello che ne rimane per una lunghezza di circa due terzi della bottiglia, lasciando così la parte in basso intera. Dopo di che prendete un accendino e bruciate la parte alta delle striscioline appena fatte fino a farle arricciare. Avrete così la base per un porta candele natalizio, potete lasciarlo così e metterci dentro una bella candela oppure decorarlo ulteriormente con brillantini, adesivi, bottoni e colori.

Fateci sapere se avete usato qualcosa dei nostri consigli e come è andata, intanto vi auguriamo un bellissimo Natale da parte di tutto lo staff di Omino Danzante!

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services