Guidare l’auto in gravidanza: tutti i consigli

Guidare l'auto in gravidanza

GUIDARE L’AUTO IN GRAVIDANZA

Chi l’ha detto che si deve smettere di guidare l’auto in gravidanza? Non esiste alcuna legge o divieto che lo imponga. Ci sono però delle regole di buon senso e sicurezza da seguire per evitare problemi.

1. Cintura di sicurezza in gravidanza
Diverse donne si chiedono se la cintura di sicurezza possa essere un problema per il pancione, considerando anche che l’articolo 172 del Codice della Strada prevede che le future mamme “in condizioni di rischio particolari”, accertate dal ginecologo, siano esentate dall’uso delle cinture di sicurezza. I medici, però, sconsigliano questa possibilità.

«Personalmente, sconsiglio di ricorrere a questa possibilità – ha dichiarato il Alessandro Bulfoni, responsabile di Ginecologia e Ostetricia in Humanitas San Pio X al sito Nostrofiglio.it –. Il rischio in cui incorrono le mamme senza la cintura di sicurezza è infatti molto più grave rispetto a quello che possono causare gli stessi sistemi di ritenuta in caso di incidente».

Se è vero, infatti, che i sistemi di ritenuta possono causare problemi in caso di violento impatto del veicolo, è anche vero che in questi casi le conseguenze di non indossare la cintura sarebbero peggiori.

Recenti studi affermano che il rischio di lesioni gravi del feto in caso di incidente può essere essere dimezzato collocando correttamente la cintura di sicurezza. Senza questo dispositivo, infatti, l’impatto diretto con il volante «potrebbe causare lesioni gravi come il distacco della placenta o la rottura uterina», avverte il dottor Emmanuel de Sostoa, Responsabile di Ginecologia del nuovo Centro di Attenzione e Riabilitazione Sanitaria (CARS) di Seat.

Come ricorda Javier Luzón, responsabile del Dipartimento di Sviluppo della Sicurezza dell’Auto in SEAT, per posizionare la cintura di sicurezza nel modo corretto bisogna mettere «la parte orizzontale il più in basso possibile, in modo che si appoggi sotto la pancia e non eserciti pressione sul feto. Il nastro diagonale, invece, va fatto passare trasversalmente sull’addome, tra i seni e appoggiato sulla clavicola».

guidare in gravidanza

2. La distanza dal volante
Per evitare lesioni in caso di incidente è bene posizionare il sedile del conducente più lontano rispetto al volante. La distanza consigliata è di 25 centimetri.

3. Non disattivare l’airbag
Anche in questo caso, invece di creare problemi, l’airbag può salvare la vita della futura mamma e del bambino in caso di incidente.

LEGGI ANCHE: I benefici del massaggio in gravidanza

4. Regolare lo schienale
Con il passare dei mesi bisogna apportare delle modifiche per poter guidare comode e sicure, ogni mese. Per questo, è molto importante regolare la posizione del sedile, in modo da mantenere lo schienale il più retto possibile e sedersi correttamente.

5. La fascia pelvica
Anche se non è obbligatorio, può essere utile per le future mamme nel terzo trimestre di gravidanza indossare una fascia pelvica da posizionare nel basso ventre, per aumentare il proprio comfort a bordo dell’auto.

6. Abiti comodi e scarpe basse
Anche l’abbigliamento ha la sua importanza durante la guida. Gli esperti Seat consigliano di indossare scarpe comode e senza tacco per guidare.

PER APPROFONDIRE: Come combattere il mal d’auto nei bambini

7. La distanza di sicurezza
Un’altra accortezza è quella di mantenere una maggiore distanza di sicurezza dal veicolo che precede, per evitare manovre brusche e sobbalzi.

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services