Come sopravvivere al saggio di fine anno – parte 2: i costumi

COME SOPRAVVIVERE AL SAGGIO DI FINE ANNO

Continua il nostro viaggio nei retroscena della preparazione di un saggio di fine anno. Oggi le insegnanti dell’Omino Danzante ci raccontano come funziona l’organizzazione dei costumi. Ne abbiamo approfittato per chiedere qualche consiglio per la preparazione di uno spettacolo “casereccio”.

LEGGI ANCHE: Come sopravvivere al saggio di fine anno – parte 1: i personaggi

Per i bambini la prova dei costumi è uno dei momenti più esaltanti durante la preparazione di uno spettacolo, per gli insegnanti invece andarli a cercare, idearli, farli fare è speso molto complicato

Ogni bambino ha un’innata curiosità verso ciò che è diverso da sé, amano le situazioni fuori dall’ordinario e sono attratti dai personaggi di fantasia, è quindi molto naturale che l’idea di travestirsi li affascini e li diverta.
Ci sono tre strade, ci dicono le insegnanti, che si possono seguire per ottenere i costumi di scena. Vediamole insieme seguendo l’esempio del saggio di quest’anno, tratto da Alice nel paese delle meraviglie.

LEGGI ANCHE: Alice nel paese delle meraviglie: lo spettacolo multimediale

1. Comprare costumi già fatti
Per alcuni personaggi la cosa più semplice è comprare (online, nei negozi per feste o nelle costumerie) dei costumi già fatti, come quelli di carnevale. Qua sotto possiamo vedere le bimbe di danza classica vestite da Alice.

2. Fare fare abiti/dettagli su misura
Con un po’ di manualità o conoscendo la sartoria giusta, si possono avere dettagli o interi costumi fatti su misura e creati apposta per noi. È forse la soluzione più costosa, ma la resa sarà esattamente ciò che desideriamo. Ecco qua le orecchie e la coda da Stregatto che sono stati fatti per le nostre ragazze.

3. Trovare il modo di rendere il personaggio con vestiti che si trovano nei classici negozi di abbigliamento
Un personaggio può essere facilmente identificato grazie a pochi tratti distintivi, ai dettagli, ai colori. Con un po’ d’occhio e fantasia si può comporre un costume grazie a vestiti normalissimi, magari rivisitando il personaggio in chiave moderna. Ecco ad esempio un Bianconiglio in versione Hip Hop.

Ovviamente queste soluzioni si possono comporre tra loro.
Il trucco è cogliere il tratto distintivo del personaggio: a volte è un colore, altre volte è un particolare. Una volta capito cosa risalta subito all’occhio basta un tocco di fantasia e un po’ di pazienza e il costume è fatto”. Come negli “Stregatti” dell’immagine di copertina!

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services