Rabbia nei bambini: 5 consigli per gestirla al meglio

RABBIA NEI BAMBINI

RABBIA NEI BAMBINI

Un compagno lo ha ferito, a scuola è un periodo stressante o, semplicemente, è una giornata no. In questi casi, è molto facile che la rabbia si impossessi dei bambini e metta a rischio le loro relazioni.

Abbiamo ripreso i 6 consigli di Serena Costa, psicologa dell’infanzia Trentino, pubblicati sul sito www.serenacosta.it, per aiutare i bambini a gestire al meglio quest’emozione ed evitare che ne siano travolti. «Inizialmente è il genitore che, con il suo esempio, si offre da modello. L’obiettivo, però, è che siano poi i bambini a mettere in pratica questa strategia da soli, autoregolandosi. Sono loro quindi che, in un secondo momento, dovranno allontanarsi da un litigio e calmarsi. All’inizio, però, ecco come suggerirgli il modo per gestire al meglio la rabbia evitando di combinare dei pasticci».

LEGGI ANCHE: La rabbia nei bambini, come affrontarla

COME GESTIRE LA RABBIA NEI BAMBINI

1. Allontanate i litiganti
La rabbia è molto contagiosa e quando qualcuno si arrabbia spesso suscita la stessa emozione nell’altro, attivando una reazione a catena di proporzioni sempre maggiori. Un esempio classico è una lite tra fratelli: uno si arrabbia perché l’altro lo ha disturbato e gli rivolge delle parolacce. Allora l’altro gli tira un calcio.
La strategia migliore in questo caso è fermare i due bambini per evitare di scatenare un vortice da cui sarà difficile uscire. Fateli allontanare in modo che si possano calmare e ritrovare l’equilibrio, evitando di dare troppo spazio alla rabbia.

2. Trovategli un posto tranquillo
Consigliate ai vostri figli di trovare un posto tranquillo dove calmarsi: potrebbe essere la loro cameretta, un angolo del giardino o anche il divano.

PER APPROFONDIRE: Rabbia nei bambini, perché?

3. Ditegli di ascoltare un po’ di musica
Una volta raggiunto un luogo tranquillo, suggeritegli di ascoltate un po’ di musica per rilassarsi. In alternativa, può dipingere o fare una corsa. L’importante è che sia un’attività che lo rasserena e che attiva le sue risorse in modo costruttivo.

4. Fateli parlare
La strategia migliore per rasserenarsi? Parlare. Basta rivolgersi a un amico o a un familiare per sentirsi meglio.

5. Insegnategli il rispetto
Se avranno rispetto per se stessi, soffriranno meno le critiche degli altri, perché si apprezzeranno di più. Una volta imparato a farlo con se stessi, sarà più facile farlo anche con gli altri.

Se, però, vedete che si è passato il limite, il consiglio è uno solo: chiedere aiuto.

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services