Basquiat, la mostra al Mudec di Milano fino al 26 febbraio 2017

BASQUIAT MILANO

Il MUDEC Museo delle Culture di Milano ospita, fino al 26 febbraio 2017,  la mostra dedicata a uno dei protagonisti della scena artistica americana e mondiale degli anni ’80, considerato uno degli artisti più noti dei nostri tempi: Jean-Michel Basquiat. Con un percorso guidato dedicato agli adulti e uno pensato soltanto per i più piccoli, l’esposizione si inserisce nel percorso culturale che mette in relazione le collezioni etnografiche del Museo e la cosiddetta “arte primitiva” con i principali movimenti artistici del XIX e del XX.
Jean-Michel Basquiat è stato uno dei protagonisti del secolo che abbiamo appena lasciato; la sua vita e la sua opera riescono a trasmetterci la profonda contraddizione degli anni in cui ha vissuto e l’estrema fragilità della condizione umana.

LEGGI ANCHE: Il Paradiso di Gauguin visto con gli occhi dei bambini

La mostra è curata da Jeffrey Deitch, amico dell’artista, critico, curatore ed ex direttore del MOCA di Los Angeles, da Gianni Mercurio, curatore e saggista, e promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura che ne è anche il produttore.

Il percorso della mostra è pensato con due chiavi di lettura: quello geografico legato ai luoghi che hanno segnato il percorso artistico di Basquiat e quello cronologico.
I visitatori potranno attraversare la vita, le gioie e le insicurezze di questo giovane artista: un uomo pieno di talento, perso nelle proprie fragilità e in una società che lo acclamava come artista, ma lo rifiutava per il colore della pelle.

L’esposizione presenta circa 140 lavori realizzati tra il 1980 e il 1987 e accosta opere di grandi dimensioni, disegni, foto, collaborazioni con l’amico Andy Warhol e una serie di piatti di ceramica nei quali, con ironia, Basquiat ritrae personaggi e artisti di ogni epoca: opere caratterizzate dall’uso di materiali poveri e da un segno grafico inconfondibile, pieno di rabbia, provenienti in larga parte della collezione di Yosef Mugrabi, a cui si aggiungono opere da altri prestatori privati.

LEGGI ANCHE: I bambini e Miró, alla scoperta della “forza della materia”

Alcuni dei temi ricorrenti nell’opera di Basquiat come la musica, il jazz, i fumetti, l’anatomia ma anche la poesia e la scrittura saranno il fil rouge che guida il visitatore tra differenze sociali e razziali, emarginazione e diffidenza verso il diverso: elementi che ieri come oggi caratterizzano la società.

BASQUIAT OPERE MUDEC

Audioguida per tutta la famiglia

Tour adulti: “Basquiat tenta una riappropriazione, in seguito a quella operata dalle avanguardie, di un’espressività tribale, cioè di un’arte prodotta da africani per gli africani nel quadro del sistema culturale ricco di precisi valori formali”. Questo è uno dei numerosi preziosi contributi del curatore Gianni Mercurio che accompagna i visitatori per tutto il tour. Alla sua voce si alternano il personaggio di un fan di Basquiat, artista di strada anche lui,che rivela aspetti stilistici nonché biografici su Jean-Michel,e una voce narrante che tiene insieme le fila del racconto, fornendo numerose informazioni più oggettive.

Per il carattere sperimentale e innovativo del MUDEC Antenna International ha sviluppato questa sceneggiatura coinvolgente e divertente che fa comprendere fino in fondo la personalità di questo artista unico nel suo genere che, nonostante la breve e tormentata vita, divenne uno dei maggiori artisti del 20° secolo. I brani musicali tra jazz e hip hop inseriti nel tour rispecchiano l’importanza che aveva la musica per l’artista e per le sue opere. L’audiotour dura un’ora circa ed è disponibile in italiano e in inglese.

BASQUIAT BAMBINI

Tour bambini: Josephine detta Jo, una ragazzina di NewYork, accompagna i giovani visitatori nel corso del tour. Sa tante cose su Basquiat perché sua madre era compagna di scuola e ammiratrice di Jean-Michele e ha da sempre visitato tutte le mostre dell’artista. Introducendo così in modo spiritoso e istruttivo allo stesso tempo nelle opere di Basquiat, Jo parla della musica, del jazz ma anche della noise, dell’arte contemporanea, di politica, di NewYork, della vita notturna, che lei ancora non frequenta! Durante la visita incontra e entra in conversazione con le figure che “escono” dalle opere e con vari personaggi compagni di strada di Basquiat.

BASQUIAT MUDEC ORARI

lunedì
14.30-19.30

martedì / mercoledì
venerdì / domenica
09.30-19.30

giovedì e sabato
9.30-22.30

La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services