Prime letture per bambini di 6 anni

PRIME LETTURE PER BAMBINI DI 6 ANNI

Libri pensati per i piccoli che non hanno ancora mai varcato la soglia della scuola primaria. Ecco una breve guida per andare sul sicuro se avete deciso di acquistare o regalare una “prima lettura”.
Ringraziamo per questi preziosi consigli di lettura la Libreria Corteccia di Milano.

LEGGI ANCHE: Come regalare libri ai bimbi colpiti dal sisma del 24 agosto

Ecco un libro illustrato dedicato ai piccolini a partire dai 4 anni, sull’amore tra mamma e figlio. Il testo è bilingue, italiano e spagnolo, ideale per familiarizzare con i suoni di una lingua straniera e divertirsi imparando le brevi poesie sotto forma di filastrocche, con l’aiuto degli adulti.

Naso Naso
Naso Naso

NASO NASO

Pensato per… cuccioli dai 4 anni
Autore: Jorge Luján
Illustrazioni di Mandana Sadat
Edizioni: Lapis
Prezzo: 13.50 euro

Il libro “Naso naso” è un inno poetico all’amore più forte e intenso del mondo: quello tra mamma e figlio.
Che cosa c’è di più caldo, luminoso, divertente dell’amore di una mamma per il suo cucciolo?
Gli animali sono i protagonisti di un libro di rara bellezza che racconta in maniera giocosa e divertente la tenerezza tra una madre e il proprio cucciolo: foche, scimmie, gufi, elefanti, tigri, canguri… poco importa di che specie siate, ogni mamma sa scaldare il cuore dei propri piccolini nel suo unico e dolcissimo modo.
Un titolo semplice “Naso naso” che contiene tutto l’amore che ci può essere tra un genitore e il proprio cucciolo!
Testo bilingue italiano-spagnolo

Naso naso: così mamma foca 
sta vicina alla fochina
 e insieme fanno la scoperta 
che un bacio scalda più d’una coperta.

 Nariz con nariz la foca
 no se despega de su cría, 
eso es más que suficiente 
para abrigarla sin cobija.

LIBRI CONSIGLIATI PER BAMBINI DI 6 ANNI

Un testo ormai famoso, che parla dell’estate prima dell’ingresso alla scuola elementare da parte della piccola Dory fantasmagorica, personaggio divenuto un caso mondiale, nato dalla penna della maestra americana Abby Hanlon.

Dory fantasmagorica
Dory fantasmagorica

DORY FANTASMAGORICA

Pensato per… bimbi fantasmagorici dai 6 anni
Autore: Abby Hanlon
Edizioni: Terre di Mezzo
Prezzo: 12 euro

Dory ha sei anni, un’immaginazione incontenibile, un fratello e una sorella che non vogliono mai giocare con lei, e Mary, un’amica che nessun altro vede. Passa la sua estate in camicia da notte a scovare i mostri sparsi per casa, a scappare dalla prigione (anche detta castigo) e a combattere la signora Arraffagracchi con l’aiuto di una fatina-gnomo. Dory è davvero adorabile e per fortuna questo è solo il primo volume, in agosto uscirà in Italia la seconda avventura! In questo primo racconto si parla di un’estate speciale, perché è quella che precede l’ingresso alle elementari. Dory ha compiuto sei anni e si prepara alla nuova scuola: i fratelli cercano di farle capire che deve crescere, che non può succhiare il pollice e comportarsi come una birba.

Dory che soffre del sentirsi la più piccola in ogni situazione, sempre esclusa dai giochi e dalle avventure dei fratelli, trova il modo di sopperire a questa mancanza con la sua fervida immaginazione e con il suo super potere: la fantasmagoria, «quando, come in un sogno, realtà e fantasia sono fuse insieme».
Questa incontenibile bambina di 6 anni, che ricorda molto Lotta di Astrid Lindgren, nasce dalla penna di Abby Hanlon, una maestra elementare americana, è diventata un caso mondiale.

DA NON PERDERE: Come insegnare ai bambini a leggere, i consigli delle esperte

Una fiaba sull’amicizia e sull’amore verso il prossimo – firmata da Andrea Camilleri – perché anche il “papà” di Montalbano è stato un bambino, e ha voluto festeggiare i suoi novantuno anni con una favola dal sapore antico, che con la memoria ci porta a quando eravamo bambini e trascorrevamo le vacanze estive dai nonni.

Topiopì
Topiopì

TOPIOPÌ

Pensato per… bambini dal cuore grande dai 6 anni
Autore: Andrea Camilleri
Illustrazioni: Giulia Orecchia
Edizioni: Mondadori
Prezzo: 
16 euro

Questa non è una favola, ma una storia vera, così scrive Andrea Camilleri nella prefazione del suo nuovo libro… Nenè frequenta la scuola elementare e trascorre l’estate in campagna, dai nonni. Gli piace alzarsi presto per accompagnare la contadina Rosalia a dare da mangiare agli animali: la mula, il cavallo, l’asino, e poi il gallo, le galline, i conigli e le capre. Un giorno Nenè trova ad attenderlo una sorpresa: in fondo al pollaio c’è una cesta con una dozzina di pulcini appena nati, una tenera massa di piume, zampette e minuscoli becchi che pigolano. In disparte c’è un pulcino solitario, più piccolo e spelacchiato degli altri, che comincia a seguire Nenè dappertutto.

La nonna dà al nipotino il permesso di tenere il pulcino con sé e, da quel momento, lui e Piopì diventano inseparabili. Finché, un pomeriggio, arriva nel baglio l’asino, carico di quattro sacchi molto pesanti, e Nenè si avvicina per fargli una carezza… Da quel momento qualcosa cambierà, ma sarà per il bambino e il suo pulcino sarà solo un nuovo inizio.

In quel momento il pulcino solitario si voltò, mi vide, zampettò verso di me e quando mi fu vicinissimo mi guardo e fece: “Piopì”. Forse si era presentato?

LEGGI ANCHE: Come insegnare ai bambini a scrivere, i consigli delle esperte

E per entrare nella magia del Natale, con un pizzico di ironia, una favola da leggere e rileggere. Per piccoli lettori alle prime armi con tanta voglia di divertirsi…

Il Grinch
Il Grinch

 

IL GRINCH

Pensato per… chi ama la magia del Natale (dai 6 anni in su)
Autore: Dr. Seuss
Edizioni: Mondadori
Prezzo: 9 euro

“E tutta questa gente simpatica e cordiale amava soprattutto la gran festa di Natale.
 C’era soltanto il Grinch che non l’amava affatto: anzi, solo a pensarci diventava mezzo matto.
 Chiuso nella sua grotta sul monte Briciolaio pensava che il Natale fosse un grosso,orrendo guaio! A forza di pensare, ebbe un’idea tremenda! Una splendida idea… SPLENDIDAMENTE ORRENDA!”

È possibile non amare il Natale? Certo, se si è solitari, brutti e cattivi come il Grinch, mostriciattolo perfido che vive nella città di Chi-non-so. Del Natale odia tutto: gli alberi addobbati, le luci sfavillanti, i regali e il pranzo trionfale, ma soprattutto non tollera la felicità delle persone. E così quest’anno al Grinch è venuta un’idea splendidamente orrenda: ha deciso di rubare il Natale. Un personaggio leggendario con cui passare le feste!

“Che scena intollerabile, da togliergli il respiro! Per non parlar di nausea, disgusto e capogiro!”

Restiamo in tema di doni e atmosfera natalizia con questa delicata favola d’altri tempi…

Tomaso
Tomaso

 

TOMASO

Pensato per… ricordarsi il vero significato di un dono
Autore: Vittorio Accornero
Edizioni: Atlantide
Prezzo: 35 euro

«Tomaso… Tomaso…». «Mamma, si chiama proprio Tomaso?» «Mamma, è un giocattolo vero?»
Questa è la storia, la prima delle sue avventure, di Tomaso, un cucciolo di cane da caccia abbandonato alla vigilia di Natale e salvato dalla strada da Mamma Gatta.

Sarà proprio Tomaso il regalo di Natale con cui la mamma cercherà di conquistare i suoi piccoli e viziati micini. La mattina di Natale i gattini rimangono effettivamente sbalorditi trovando il cucciolo scodinzolante e grato per la sua nuova vita domestica. Ma presto Tomaso si renderà conto che l’interesse dei piccoli è lo stesso dedicato a tutti gli altri giocattoli e che il suo destino sarà quello di venire dimenticato. Il tempo passa e il piccolo cane comincia a sentire il richiamo della natura, il desiderio di correre libero per i prati e seguire il suo istinto.

Una storia di altri tempi, degli anni Quaranta, nata da Vittorio Accornero già illustratore di numerose opere, tra cui le fiabe di Andersen, Perrault e dei fratelli Grimm, i racconti di Edgar Allan Poe, Pinocchio e il libro Cuore.  Accornero dedica al cane Tomaso una trilogia – Tomaso (1944), Tomaso cacciatore (1950), Tomaso, caro Tomaso (1955). Atlantide sta ristampando la trilogia, in copie numerate da 1 a 999 e caratterizzate dalla grande cura editoriale che contraddistingue questa meravigliosa casa editrice.

“Voi sapete come sono i bambini: grande entusiasmo per il nuovo balocco; per i primi giorni tutti gli stanno attorno, quasi non esista altro al mondo; poi il tempo passa, ci si fa l’abitudine e il balocco viene a noia.”


Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services