Come farsi aiutare in casa dai figli: i consigli dell’esperta

COME FARSI AIUTARE IN CASA DAI FIGLI

Apparecchiare, sparecchiare, sistemare la cameretta e piegare in maniera decente i vestiti: le wannabemum non sono le schiave della prole, alcuni compiti li possono tranquillamente svolgere i pargoletti. Tutto sta nel capire come farsi aiutare in casa dai figli nella maniera più intelligente possibile. Per destreggiarci in questa giungla casalinga ci siamo fatti consigliare da Sabrina Toscani presidente APOI (Associazione Professional Organizers Italia) che dal 18 al 24 marzo indice la Seconda edizione italiana della Settimana dell’Organizzazione, per avvicinare alla cultura dell’organizzazione chi ancora ne è lontano o chi comunque ne è affascinato. “Sette giorni per…organizzarsi, in casa, al lavoro e nella vita” una manifestazione che vedrà i Professional Organizers italiani proporre attraverso incontri online e offline, riflessioni, spunti e approfondimenti attorno al tema e al valore sociale del vivere organizzati. Il giorno dedicato alla famiglia è il lunedì.

COME FARSI AIUTARE DAI FIGLI

A che età e con che responsabilità coinvolgerli nelle faccende di casa?

“Già dai 2 o 3 anni i bambini possono essere coinvolti e cominciare a dare un proprio contributo per aiutare “i grandi”. I tipi di compiti dovranno essere alla loro portata, come ad esempio aiutare a fare il letto, raccogliere giochi e libri, portare i panni sporchi o aiutare a ripulire i pasticci e spolverare o spazzare. Per gli adulti si tratta di un investimento di tempo e pazienza per riuscire a coinvolgere i bambini, giocando su questi temi e soprattutto senza aspettarsi nessun risultato pratico. Questo arriverà col tempo, e sarà importante non solo per l’ambito famigliare ma nel complesso renderà il bambino più consapevole, responsabile e autonomo.

In cosa farsi aiutare dai maschi e in cosa dalle femmine?
“Tenderei a non differenziare per genere gli ambiti in cui bambini e ragazzi possono aiutare nelle faccende domestiche. Chiunque dovrebbe essere in grado da adulto di gestire sé stesso e le proprie cose in maniera funzionale: a tutti serve sapersi preparare una cena, fare la spesa, pulire casa o fare il bucato. Sono competenze base che bambine e bambini dovrebbero imparare fin da piccoli in modo da crescere indipendenti e intraprendenti”.

LEGGI ANCHE: Come comportarsi di fronte ad un insuccesso scolastico

In cosa può migliorare la vita delle wannabemum?
“Sicuramente avere più aiuto in casa può alleggerire le mamme nel loro costante lavoro domestico: dividersi il lavoro più equamente significa più tempo e più energie disposizione della donna. Tuttavia perché questo succeda è necessario rendersi conto che è un percorso di delega che inizia con l’insegnamento paziente e la formazione costante dei piccoli sul campo, facendo insieme e giocando ad organizzarsi. I risultati arriveranno”.

COME AVERE AIUTO DAI FIGLI

Che ricadute positive ha questo tipo di impostazione sui bambini?
Ai bambini piace fare da soli e sono contenti di aiutare, almeno fino ad un certa età. Proprio in questo periodo della vita è necessario prendersi il giusto tempo ed imparare a coinvolgerli per aiutarli  a crescere, ad aumentare la sicurezza e stima di sé stessi, favorire la creatività, aiutare a gestire meglio le proprie emozioni e il proprio tempo, aiutare in generale nel dare gli strumenti giusti per affrontare la vita. Il lavoro in casa è un ottimo banco di prova per tutto questo.

Ci può fare qualche esempio pratico per fasce d’età in merito a gesti concreti che i bimbi possono fare?
“Sui 4 o 5 anni i bimbi possono preparare la tavola e sparecchiarla, servire in tavola, spolverare, aiutare a mettere via la spesa. Dai 6 gli 8 anni possono anche passare l’aspirapolvere o spazzare, piegare i panni puliti e metterli via. Dai 9 anni possono imparare a fare i piatti e sgomberare la lavastoviglie, fare andare la lavatrice e stendere e cominciare anche a cucinare piatti semplici. Infine dai 13 anni in poi ci si può aspettare da loro che le cose vengano fatte e bene, quindi dargli impegni quali pulire alcune aree della casa, lavare le finestre e anche fare la lista della spesa, cucinare a pranzo o cena, oltre che cominciare a istruirli sul budget famigliare, le bollette da pagare e le spese della famiglia. L’economia domestica una volta si insegnava e prevedeva anche queste materie, ora sono i genitori a doverle passare ai propri figli.

LEGGI: Come prevenire i disordini alimentari nei bambini

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services