Come organizzarsi con due figli piccoli: i consigli della professional organizer

COME ORGANIZZARSI CON DUE FIGLI PICCOLI

I figli sono una benedizione, un dono e una meraviglia, ma se sono due, piccoli e in contemporanea può diventare un mestiere complicato. Soprattutto per la wannabemum che notoriamente lavora, e deve tenere in equilibrio ufficio, casa, prole e of course il marito. Come mantenere la calma anche in una situazione che a prima vista potrebbe apparire quantomeno complicata? Ci viene in aiuto un’esperta della gestione delle complessità, Irene Novello, la vice-presidente di Apoi, l’associazione dei professional organizers (riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico), che sabato 7 novembre allo spazio Open di Milano organizza una giornata aperta al pubblico e gratuita, “Impara ad organizzarti…divertendoti!” dove incontrare dei professionisti che daranno un sacco di dritte per imparare a destreggiarsi meglio sia nell’ambito della casa che in quello del lavoro.

ORGANIZZARSI CON 2 BIMBI PICCOLI

Poniamo il caso pratico di una famiglia con due bambini, uno al nido e uno all’ultimo anno di materna: come fare?

Ecco I consigli pratici che ci ha dato la professional organizer:

  • UN ELENCO. Fare l’elenco delle attività di tutta la famiglia, senza tralasciare nulla: mestieri da fare in casa, spesa e pulizie, inviti che vengono fatti a tutti i membri, non tralasciare niente. Scriverlo su un bel foglio da appendere in cucina con specificato accanto il mitico “chi fa cosa”, così tutto diventa chiaro e condiviso;
  • DELEGARE e SEMPLIFICARE. Scegliere cosa esternare: le pulizie di casa ad una colf, la spesa con un Gas o la spesa online,  attivare tutti i Rid per i pagamenti evitandosi così delle noiose code in Posta e tutto quello che può essere “dato in gestione ad altri”. La tecnologia in questo deve esservi alleata, così vi resta del tempo per fare le attività con i bambini.
  • NON DIMENTICARE LA COPPIA. Darsi delle priorità: scegliere del tempo da dedicare a sé stessi e alla coppia, per non essere fagocitati. Una cena romantica, un weekend ogni tanto, un pomeriggio nel centro benessere o quello che vi pare;
  • COMPAGNI DI VITA E DI DOVERI. Dividersi i compiti: anche il marito, compagno o fidanzato deve portare a termine i suoi incarichi. In questi delicati momenti, il partner non può essere esente da una collaborazione, soprattutto nei primi anni.
  • BAMBINI PICCOLI ALLEATI. Attivate i bambini: il piccolo di sei mesi non può essere di grande aiuto, ma quello più grandicello può aiutare la mamma, ad esempio, a mettere in ordine la stanza con i suoi giochi, magari in dei contenitori trasparenti, così li vede e sa come vanno posizionati. Appena il figlio piccolo avrà coscienza, tutte le nozioni andranno trasmesse al fratellino. Se la mamma delega, il bambino si sente responsabilizzato e farà lo stesso con il piccolo. E’importante metterli nella condizione di fare da soli: giochi e libriccini, tutto deve stare alla loro altezza, anche i vestiti: un modo per crescere e diventare autonomi, e togliere lavoro alla mamma. L’ideale per fare questa operazione è mettersi all’altezza del bambino, e vedere il suo punto di vista rispetto agli oggetti.
  • MEETING DI FAMIGLIA. Fate delle riunioni di famiglia: indipendentemente dall’età dei bambini, bisogna dirsi le cose da fare, condividere gli obiettivi, ripetersi ogni tanto chi fa cosa.

LEGGI ANCHE: Per ritagliarvi del tempo per voi e far felici i bambini, scoprite il Kikolle Lab

Facebook Comments
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services