Come colorare le uova in stile Inside Out

COME COLORARE LE UOVA –

Noi di Wannabemum abbiamo all’unanimità apprezzato il cartone Disney Inside Out, che insegna quali emozioni frullano nella testa dei piccini e come ci si devono interfacciare i genitori. Utilissimo per gli adulti, molto divertente per i bambini, apprezzabile anche per l’esigente pubblico adolescenziale.

La chiave del suo successo sono i riuscitissimi cinque buffi personaggi che danno vita e colore a ogni emozione provata dalla protagonista: per rallegrare un centrotavola, per un picnic in famiglia, per Pasqua o per una festa a tema allora perchè non decorare le uova in stile Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto?

COLORARE UOVA CASA –

Innanzitutto i materiali: munitevi di 5 o più uova sode, pennelli e tempere, polverina glitter per le decorazioni, carta velina colorata, colla trasparente o glitterata.

COME COLORARE LE UOVA SODE –

Iniziamo con la mission impossible “come colorare le uova”: stendete in terra dei fogli di giornale aperti, fateci sdraiare o sedere i bambini sopra (pargoli che avrete precedentemente abbigliato con vestiti da cacciare in lavatrice subito) e via con il decoro.

Per prima cosa colorate con pennello e tempera ogni uovo con il colore dominante del personaggio: Gioia tutta gialla, Tristezza azzurra, Paura viola, Rabbia rosso, Disgusto verde.

Lasciate asciugare le uova per almeno venti minuti.
Procedete poi ai singoli decori:

  • Gioia: Spennellate la cima e il fondo di colla trasparente, e sgranate il glitter blu in alto a fare i capelli e il glitter oro sulla base come vestito: in alternativa potete fare una gonnellina con la carta velina gialla;
  • Tristezza: sempre glitter blu in testa, per il vestito sulla base glitter argento (o in alternativa una spennellata di colla e delle striscioline di domopak argenteo) e per gli occhiali, disegnateli con un pennellino fine con il nero o il blu. In alternativa, createli con un filo di lana e incollateli all’altezza degli occhi.
  • Disgusto: la capigliatura andrà fatta con il glitter verde, il vestito con la velina verde chiaro e il tocco di classe è il fazzolettino al collo viola: o di tessuto vero, o di tempera pervinca.
  • Rabbia: Oro in testa, marrone scuro e bianco – tempera o glitter – per fare camicia e pantaloni – e per simboleggiare le fiamme che gli escono dalla testa, via di velina gialla.
  • Paura: Occhi all’ingiù disegnati con un pennellino nero a punta fine, polverina (o un pezzettino di lana) azzurra per fare il golfino e un bel papillon rosso. In testa, un ricciolo creato con il fil di ferro e avvolto da velina viola fermata con la colla.

LEGGI ANCHE:La ricetta del ciambellone di mia nonna

Facebook Comments

Lascia un commento

scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services